Differenze tra muletto e carrello elevatore: quali sono?

Differenze tra muletto e carrello elevatore

Qual è la differenza tra muletto e carrello elevatore? Nella classificazione dei mezzi utilizzati all’interno dei magazzini, la terminologia è importante. Su questo tema specifico esiste però una certa confusione, anche tra alcune aziende produttrici.

Prima di tutto è bene chiarire che il termine muletto è utilizzato spesso come sinonimo di carrello elevatore, a identificare cioè qualsiasi mezzo operativo su ruote che viene azionato da motori elettrici, diesel o a gas, che viene usato per il sollevamento e la movimentazione di carichi (merci e pallet) all’interno di un magazzino o per il carico e scarico di oggetti dai mezzi di trasporto.

Esistono moltissimi tipi di carrelli elevatori, classificati in base ai movimenti che sono in grado di compiere o alle operazioni che svolgono all’interno del magazzino: tra i principali ci sono i carrelli frontali, quelli a carico laterale (per lo stoccaggio di materiali lunghi), retrattili (per passare tra le scaffalature più strette e per portare in alto la merce), trilaterali (le cui forche possono ruotare verso destra e verso sinistra), i transpallet, i commissionatori (che sollevano sia la merce sia l’operatore), gli stoccatori.

In questa accezione allargata, il termine muletto li identifica tutti. Ma perché si chiama proprio “muletto”? In passato, era prassi comune identificare i nuovi strumenti di lavoro con il nome comune di un animale che svolgeva un compito simile. Ecco perché, nel lontano 1949 in Germania, Still denominò il primo carrello ad alimentazione elettrica prodotto come “Muli”. Quando questi strumenti si diffusero anche in Italia, a partire dal porto di Genova, entrarono nel linguaggio comune proprio come muletti.


Muletto o carrello elevatore?

In realtà, secondo diversi operatori nel campo della logistica, muletto identifica solo i carrelli elevatori più tradizionali, quelli controbilanciati costituiti da un corpo centrale e due forche di sollevamento. Per tutti gli altri, l’uso di questo termine sarebbe improprio. Muletto starebbe quindi ad indicare solo i mezzi per la movimentazione di tipo standard, con forche a sbalzo e con il peso situato anteriormente rispetto al punto di appoggio, che sono in grado di sollevare carichi anche molto pesanti grazie al principio fisico della leva di primo grado.

Qualsiasi tipo di carrello elevatore tu stia cercando per le tue esigenze logistiche, Still ha una vasta gamma di mezzi tra cui scegliere, dai classici muletti ai transpallet elettrici.


Lascia un commento

Commenti

Nessun commento


Iscriviti al blog!

Essere informati non appena un articolo viene pubblicato. È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.


Protezione dei dati