Tipi di scaffalature da magazzino: ecco i modelli principali

Velocità massima dei carrelli elevatori: limiti e rischi

Lo stoccaggio è una fase fondamentale per la gestione dei flussi di merce all’interno di un’azienda, in grado di ottimizzarne produttività e prestazioni. Per questo, è indispensabile scegliere accuratamente i sistemi di scaffalature, che rappresentano un elemento chiave per l'efficienza, l'ergonomia e la sicurezza di un magazzino.

Le scaffalature da magazzino sono strutture metalliche progettate per soddisfare le esigenze di stoccaggio delle aziende: si compongono di scaffali su cui gli operatori (o i sistemi automatici) depositano le unità di carico: pallet o contenitori. Ma quanti e quali modelli di scaffali industriali esistono? Le scaffalature possono essere classificate in base ad alcuni parametri fondamentali, tra cui tipo di unità di carico, grado di accessibilità alle merci che garantiscono, procedura di prelievo. Ecco, quindi, i principali tipi di scaffalature da magazzino.


1. Scaffali a tradizionali a ripiani

Scaffali a tradizionali a ripiani

Gli scaffali a ripiani, modello più tradizionale per lo stoccaggio, permettono di accedere in maniera diretta alle merci sfruttando i corridoi del magazzino. Questi scaffali da magazzino presentano una struttura semplice e flessibile che si adatta a unità di carico che possono essere diverse per forma, peso e dimensioni: tra le varie tipologie troviamo gli scaffali per pallet.

2. Scaffali cantilever

Scaffali cantilever

Gli scaffali cantilever sono scaffali industriali simili a quelli tradizionali, utilizzati per lo stoccaggio di articoli lunghi e pesanti o grandi quantità di prodotti ingombranti. Si tratta di strutture a sbalzo, prive del montante anteriore.

3. Scaffali per l'accumulo delle merci

Scaffalature per magazzini: drive-in e drive through

Gli scaffali drive-in e drive-through per l’accumulo delle merci sono utili nei casi in cui l’azienda necessiti di soluzioni di stoccaggio compatto di grandi quantità di prodotti identici. In questo caso, si progetta la creazione di corridoi all’interno delle scaffalature lungo i quali i carrelli elevatori possono depositare o prelevare le unità di carico secondo la logica LiFo (“Last in, First out”, secondo cui il primo pallet che è possibile prelevare è l'ultimo a essere stato posizionato sullo scaffale).

4. Scaffali per la movimentazione delle merci

Scaffali per magazzini: push back e flow through

Se invece l’attività prevede un elevato volume di movimentazione di merci e materiali, la soluzione ideale è rappresentata da scaffali industriali a stoccaggio dinamico, o scaffali push back e flow through, che prevedono lo spostamento automatico delle unità di carico verso la parte anteriore, basandosi sul principio FiFo (“First in - First out”, meccanismo per cui il primo pallet che è possibile prelevare è il primo a essere stato posizionato sullo scaffale).

Still offre un’ampia selezione di scaffalature da magazzino acquistabili nello shop online e presso rivenditori specializzati.

 

 

Lascia un commento

Commenti

Nessun commento

Iscriviti al blog!

Essere informati non appena un articolo viene pubblicato. È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.


Protezione dei dati
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.