Portata di un muletto: cos'è e come si calcola

Portata di un muletto

La portata di un muletto, chiamata anche capacità di carico indica, in linea generale, il peso del carico che il carrello elevatore è in grado di trasportare e sollevare in sicurezza secondo le indicazioni del costruttore.

I carrelli elevatori sono mezzi operativi utilizzati all’interno degli stabilimenti industriali o dei magazzini per il sollevamento e la movimentazione delle merci, in entrata e uscita dal deposito o all’interno dello stesso. La capacità di carico di un carrello elevatore determina l’entità e la qualità dei pesi che è in grado di spostare in sicurezza, senza rischiare danni al carrello stesso, a cose o persone.

Ci sono diversi fattori da considerare volta per volta per il calcolo della portata di un carrello elevatore:

  • la tipologia e le caratteristiche del carrello
  • la presenza di attrezzature ed elementi installati e non rimovibili dalla sua struttura
  • le dimensioni e la distribuzione della merce da trasportare

Portata nominale e portata residua del carrello elevatore: cosa sono e come si calcolano

È importante distinguere tra portata nominale e portata residua, chiamate anche capacità di carico nominale e capacità di carico effettiva. Questi due tipi di capacità sono interdipendenti.

Portata nominale di un carrello elevatore

Con il termine portata nominale di un muletto si indica il limite massimo del carico che il mezzo può trasportare in sicurezza, con altezze di sollevamento standard e con carico di dimensioni standard. È espressa in chilogrammi e riportata sul libretto d’uso dall’azienda costruttrice, e dipende direttamente dal peso del muletto.

Ma se un carrello elevatore ha portata nominale, per esempio, di 1000 Kg, questo non significa che esso possa sollevare tale peso in ogni situazione e ad ogni altezza.

Portata residua di un carrello elevatore

La portata residua o capacità di carico effettiva è il limite di peso che il carrello elevatore è in grado di trasportare senza rischio di ribaltamento in una situazione reale, tenendo conto delle forze dinamiche in atto: è quindi inferiore rispetto alla portata nominale.

Il calcolo della portata residua di un muletto tiene in considerazione una pluralità di fattori quali altezza di sollevamento, posizionamento della merce, baricentro, elementi supplementari installati sul mezzo, quali forche, traslatore o posizionatore.

In ogni carrello elevatore con montante viene collocata una targhetta con un diagramma della portata o del baricentro del carico, che serve all’operatore per calcolare il baricentro e la capacità di carico residua e quindi per valutare correttamente l’effetto leva durante i lavori di carico.


Le capacità di carico dei carrelli elevatori STILL

Le capacità di carico dei nostri carrelli elevatori variano a seconda della tipologia di muletto e offrono soluzioni adatte a soddisfare le necessità logistiche di diversi settori.

Per esempio i carrelli termici Still sono in grado di trasportare e sollevare carichi pesanti fino a 18 tonnellate, mentre i nostri carrelli elevatori elettrici offrono portate fino a 8.000kg, garantendo potenza, efficienza e precisione.

Grazie all’ampia gamma di modelli di carrello elevatori con diverse portate disponibili, gli esperti Still sono in grado di trovare il muletto più adatto alle diverse esigenze di trasporto e sollevamento, ai processi, alle movimentazioni e alle caratteristiche dell’ambiente di lavoro.


La gamma di carrelli elevatori Still offre modelli con diverse capacità di carico, che ti forniscono tutte le informazioni necessarie per calcolare con precisione la portata residua, al fine di operare con diverse tipologie di merce in modo assolutamente sicuro.


Lascia un commento

Commenti

Nessun commento


Iscriviti al blog!

Essere informati non appena un articolo viene pubblicato. È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.


Protezione dei dati